scienza e beni culturali

Ricerca testi articoli

search engine by freefind advanced


la ricerca sarà effettuata sul sito di Arcadia Ricerche, editore del libro degli Atti del Convegno

Con il patrocinio di:

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITA' CULTURALI - MIBACT




ORDINE DEI CHIMICI E DEI FISICI DI VENEZIA

Con la collaborazione di:








  








Ass. Restauratori d'Italia
sede locale Südtirol



Freunde der Universität Padua, Brixen

Organizzazione:

Ass. Scienza e Beni Culturali

Da segnalare:



 




IL PATRIMONIO CULTURALE IN MUTAMENTO.
LE SFIDE DELL'USO

XXXV° Convegno Internazionale 

Scienza e Beni Culturali

Bressanone, 2 - 5 luglio 2019

Prima Circolare

 form contributo 


PRIMA CIRCOLARE

Il mutare delle esigenze sociali ed economiche impone crescenti pressioni sugli edifici storici e sui centri antichi, con il rischio dell’obsolescenza e dell’abbandono, o di adeguamenti spesso invasivi. Significative porzioni del patrimonio storico oggi in disuso possono essere conservate soltanto attraverso l’introduzione di nuove funzioni.

Anche nei casi in cui appaia sostenibile la continuità dell’uso attuale, la valutazione del raggiungimento degli obiettivi funzionali, prestazionali e conservativi richiede uno sforzo multidisciplinare, che prenda in considerazione diversi aspetti quali ad esempio la compatibilità degli interventi proposti, la conservazione degli interni e delle collezioni, la prevenzione dell’usura delle superfici, l’ottimizzazione del microclima.

Il Convegno Scienza e Beni Culturali si propone quindi di raccogliere riflessioni ed esperienze, sotto diverse prospettive, su temi quali:

Uso e riuso: esigenze prestazionali e compatibilità

  • Normativa ed esigenze conservative e prestazionali
  • Strategie di resilienza/resistenza
  • Conoscenza, materiali e tecnologie per l’intervento
  • Compatibilità delle metodologie
  • Tecniche di restauro in mutamento
  • Efficienza energetica, accessibilità, sicurezza, adeguamento strutturale
  • Superfici storiche e ambienti museali: problematiche generate dalla fruizione
  • Sperimentazioni e casi di studio

Patrimonio costruito e cambio d’uso

  • Strategie e/o esperienze per il riuso del patrimonio in disuso e/o in abbandono
  • La “messa a reddito” e la “spettacolarizzazione” dei beni culturali
  • Archeologia industriale ed edifici specialistici
  • Valutazione delle alternative e delle strategie

La dimensione urbana e territoriale del mutamento

  • Rigenerazione urbana e sviluppo locale
  • Pressione antropica e Turismo

L’uso e la programmazione

  • Valutazione della compatibilità
  • Tecniche di controllo e monitoraggio
  • Programmi di manutenzione e ruolo dell’utente


note per gli autori :

Il convegno, nel quale sono previste sessioni orali e poster, avrà carattere internazionale con lingue ufficiali Italiano ed Inglese, pertanto, pur restando ferma la possibilità di proporre articoli in lingua italiana si sollecita la stesura degli stessi in lingua Inglese. Le relazioni orali potranno comunque essere tenute in italiano.

Nell’intento di favorire una maggiore incisività del contributo scientifico che il Convegno da anni cerca di portare al settore della Conservazione e del Restauro, nonché di aumentarne il prestigio scientifico, i contributi saranno sottoposti a peer-review.

Per la presentazione del lavoro deve essere inviato un abstract preliminare, sufficientemente esaustivo e con chiara indicazione di scopi, metodologia e risultati, di lunghezza massima di una pagina, alla Segreteria del convegno utilizzando, preferibilmente, il form del sito (http://scienzaebeniculturali.it/convegno/form-contributi.html) oppure via email [convegno@arcadiaricerche.eu]. Agli autori dei contributi scientifici selezionati verrà richiesto successivamente di inviare il testo esteso, da sottoporre a doppia revisione. Il comitato organizzatore si riserva di chiedere agli autori di apportare le modifiche/integrazioni eventualmente suggerite dai referee.

Questa articolazione richiede, per gli ovvi tempi aggiuntivi necessari per i vari passaggi, un rigoroso rispetto delle scadenze, che sono state anticipate rispetto agli anni precedenti:

  • Termine invio abstract: 19 NOVEMBRE 2018
  • Valutazione abstract: entro 15 DICEMBRE 2018
  • Termine invio testo completo: 28 FEBBRAIO 2019
  • Valutazione testi: entro 25 APRILE 2019
  • Termine invio testo rivisto: 15 MAGGIO 2019


Crediti Formativi Professionali (CFP):

come per le precedenti edizioni, Scienza e Beni Culturali ha richiesto al CNAPPC (Consiglio Nazionale degli Architetti Pianificatori Paesaggisti e Conservatori) e all'Ordine dei Chimici l'accreditamento dell'evento.